Pixel

Se siete tra i (pochi) fortunati possessori non stranieri di un Google Pixel o di un Pixel XL e state pensando di rivenderli fareste bene e pensarci più attentamente.


Infatti nella garanzia dei Pixel è chiaramente specificato che non permesso rivendere i due dispositivi. Citando testualmente:

“Google Pixel e Google Pixel XL non possono essere comprati con l’obbiettivo di essere rivenduti commercialmente, o rivenduti in maniera non no-profit”

Questa clausola non è esclusiva di Google. Quasi tutti i prodotti di questo tipo non possono generalmente essere rivenduti. Ovviamente controllare il fenomeno sarebbe impossibile. Generalmente è più un monito verso chi compra grandi quantità per poi rivenderle presso degli store di terze parti.

Per Google comunque la faccenda non sembra essere così complessa da gestire. Infatti negli ultimi giorni più di 200 persone hanno ricevuto una notifica che li informava che il loro account Google è stato bloccato a tempo indefinito. Questo proprio per aver rivenduto un Pixel.

Nonostante creare un account Google sostitutivo sia un’operazione che prende pochi minuti il problema più grave è legato all’account sospeso. Su di questo infatti gli utenti avevano documenti (anche legati al lavoro), foto personali, eventi sul calendario, senza contare l’accesso alle mail e tutte le app e contenuti acquistate tramite Play Store.

Infine Google ha annullato circa 500 ordini per la sua nuova gamma di telefoni, non si sa se ciò sia legato a questo blocco. L’azienda non ha ancora commentato l’accaduto. Intanto gli utenti sono sconvolti. Mai Google aveva sanzionato così severamente i propri utenti, tra l’altro senza nessun preavviso.

Pensate che Google incorrerà in cause legali? Cosa pensate ci sia dietro a questi blocchi? Che sia l’inizio di un’epoca del terrore per gli utenti Pixel?

FONTEAndroid Headlines
CONDIVIDI
Studente di Informatica presso la facoltà di Cagliari, appassionato al mondo Android, soprattutto al modding.Attualmente il mio Daily driver è un OnePlus One.