multiwindow

In questa guida presenteremo due metodi per abilitare il multiwindow su Android Marshmallow.


Il multiwindow, ovvero la possibilità di eseguire due applicazioni simultaneamente dividendo lo schermo a metà, è presente sulle ROM e sulle UI di molti produttori da diverso tempo. Finalmente sarà possibile attivare questa funzione anche su Android stock.

Tuttavia, sebbene sia prevista su Marshmallow, non è possibile attivarla nativamente, e bisogna intervenire a livello del file build.prop per potervi accedere.

In questa guida saranno presentati due metodi per ottenere il multiwindow nativo di Android: la prima è rivolta agli utenti che non hanno il root (è comunque necessaria una recovery modificata), la seconda, più veloce, a chi invece è in possesso dei permessi di root.

METODO 1 (NO ROOT):

  • Collegare il device al Pc
  • Riavviare in modalità recovery e montare il sistema
  • Sul computer, aprire una linea di comando e scrivere adb pull /system/build.prop
  • Aprire il file build.prop con un editor di testo (tipo Notepad++) e cercare la riga “ro.build.type”
  • Cambiare il testo dopo il segno di uguale, da “userdebug” a “user”
  • Salvare il file
  • Tornare alla linea di comando e scrivere adb push build.prop /system/
  • Aprire una shell con il comando adb shell
  • Scrivere questo comando
    • cd system
    • chmod 644 build.prop
  • Riavviare il device
  • Nel menù Impostazioni andare su Opzioni sviluppatore e attivare il multiwindow tramite l’apposito bottone
multiwindow
Esempio di multiwindow

METODO 2 (ROOT):

  • Scaricare dal Play Store l’app Build.prop editor
  • Dall’app cercare la riga “ro.build.type”
  • Modificare il suo valore da “userdebug” a “user”
  • Riavviare il device quando richiesto
  • Nel menù Impostazioni andare su Opzioni sviluppatore e attivare il multiwindow tramite apposito bottone
CONDIVIDI
Palermitano, 25 anni, studente di Chimica all'Università di Palermo. Appassionato fin da piccolo di informatica e tecnologia, mi sono avvicinato al mondo di Android e di Google nel 2010.