Mi Band 2

Dopo averla attesa e averla provata per un mese intero siamo pronti a dirvi cosa ne pensiamo dello Xiaomi Mi Band 2!


Introduzione

Xiaomi fa finalmente il salto in avanti e migliora la già ottima esperienza riscontrata nelle versioni precedenti della Mi Band 1 e 1s. Abbiamo finalmente l’introduzione di un Display Oled, che non consuma poco e ci permette di vedere le principali informazioni, come l’ora e i vari dati sulle attività svolte.

Confezione

La confezione come da tradizione Xiaomi è molto scarna e minimal. Da Agosto in poi la scatola contenente la Mi Band è bianca con una foto della Mi Band 2 sopra e il solito logo su uno dei lati. All’interno troviamo il cuore della Mi Band, un cinturino in silicone, disponibile in molte colorazioni e anche altri materiali, il cavetto USB per la ricarica e la solita manualistica in Cinese.

Mi Band 2

Design e costruzione

Il design non si discosta molto dalle versioni precedenti, ovviamente il Display modifica un pò quella che è la facciata del dispositivo, aumentano leggermente le dimensioni, ma il peso è quasi inalterato, in poche parole non sentirete la differenza tra questa o una Mi Band precedente. La costruzione è ottima, e Xiaomi ha dedicato molta cura nei particolari, lo si vede dal logo posto sul retro vicino al sensore di battito cardiaco e anche dal tasto touch frontale che ha una trama riconoscibile al tatto.

 

Al polso sta davvero bene grazie al suo peso di soli 7 grammi, il cinturino mi sembra più saldo e anche la chiusura più solida. Inoltre nelle versioni precedenti mi è capitato che il cuore della Mi Band uscisse dal cinturino in seguito a colpi abbastanza violenti, non volontari. Cosa che non mi è mai successa con questa versione.

Hardware

A bordo troviamo un display OLED da 0,42″ sulla parte frontale, che si accendere quando ruoterete il polso. Con l’ultimo aggiornamento sono state introdotte anche delle gesture che ci permettono di navigare tra le varie schermate semplicemente ruotando il polso.
Sotto il display è presente un tasto touch, quindi non fisico, che vi permetterà di interagire con la mi band, sul retro invece abbiamo il sensore di battito cardiaco.
Per finire abbiamo la certificazione IP67 contro acqua e polvere, in modo da non doverla togliere nemmeno sotto la doccia. Il tutto accompagnato dal Bluetooth 4.0 LE.

Software

Il software all’interno della mi band è davvero minimale. Presenta soltanto le varie schermate riassuntive: l’ora, i passi, la distanza percorsa, le calorie bruciate, la rilevazione del battito cardiaco e la batteria residua. Queste schermate si possono modificare dall’interno dell‘applicazione Mi Fit, disponibile sia per Android che per iOS.
L’abbinamento tra l’applicazione e la mi band è davvero molto veloce, e la sincronizzazione tra le due avverrà soltanto nel momento in cui apriremo l’app sul nostro smartphone, fino a quel momento le informazioni vengono salvate sulla nostra Mi Band, quindi non dovrete preoccuparvi di tenere sempre con voi lo smartphone.
L’applicazione di per sè è molto semplice. Abbiamo 2 schermate principali, quella sui passi e quella sul sonno. Entrambe mostrano i dati raccolti in quella giornata con la possibilità di vedere i grafici e quindi lo storico di quello che abbiamo fatto nei giorni e nelle settimane scorse. Il conteggio dei passi l’ho trovato molto affidabile, riesce persino a riconoscere e quindi distinguere le diverse attività per esempio quando camminiamo o quando corriamo.
Anche il monitoraggio del sonno è affidabile, ci mostra un resoconto dettagliato di quando siamo andati a dormire, delle ore di sonno profondo e di quelle di sonno leggero.
Abbiamo anche la possibilità di ricevere le notifiche sulla nostra mi Band, possiamo selezionare un massimo di 5 applicazioni che potranno mandare le notifiche sul braccialetto. Abbiamo anche la funzionalità della sveglia che è davvero molto intensa ma per nulla fastidiosa.

AGGIORNAMENTO SOFTWARE 2.2.6

Xiaomi ha appena rilasciato un nuovo aggiornamento per la propria app per la gestione delle famose Mi Band, Mi Fit, introducendo una nuova ed interessante funzionalità per tutti gli utenti amanti dello sport.

A partire dalla versione 2.2.6, infatti, Mi Fit introduce la nuova Modalità Corsa, raggiungibile direttamente all’interno dell’app stessa da una piccola icona posta sul lato superiore sinistro del nostro dispositivo.

Attraverso questa nuova funzionalità, tutti gli utenti appassionati di jogging potranno dunque tenere conto di diverse informazioni tra cui:

  • Chilometri percorsi
  • Numero delle corse effettuate
  • Monitoraggio della frequenza cardiaca
  • Tempo sul giro
  • Tenera traccia del percorso attraverso una mappa

Finalmente abbiamo anche il monitoraggio continuo del battito cardiaco, che prima non era disponibile, come lo si può vedere nel video.

Autonomia

L’autonomia dipende molto dal utilizzo che ne fate, devo dire che con i dati raccolti prima dell’aggiornamento e con quelli dopo, non è cambiata molto. Siamo su circa 30 giorni di utilizzo. La batteria anche se piccola, soli 70 mAh, viene gestita egregiamente e il display è davvero poco energivoro. Se attivate le tutte le varie gesture per navigare tra le varie schermate devo dire che l’autonomia scende di un bel 10% nel complesso.

Conclusione su Xiaomi Mi band 2

In conclusione noi ve la consigliamo con tutto il cuore, sopratutto perchè su questa fascia di prezzo non ha assolutamente rivali. Se volete qualcosa di più professionale con magari funzionalità più complesse dovrete rivolgervi a prodotti di fascia superiore, a prezzi superiori ai 50-60 euro.
Se volete acquistarla è disponibile su GearBest a circa 22€ con spedizione gratuita e senza dogana seguendo il link sotto:
PANORAMICA RECENSIONE
CONFEZIONE
7
DESIGN e COSTRUZIONE
8
HARDWARE
8.5
SOFTWARE
7.5
AUTONOMIA
9
PREZZO
10
CONDIVIDI
Sono un appassionato del mondo Android, ho studiato informatica ed elettronica. Possedevo il Galaxy Nexus e attualmente possiedo il Nexus 7 ed il Nexus 5.